Comune dell'Aquila

Anniversario della tragedia di Rigopiano e del sisma di Montereale, il ricordo del sindaco Biondi

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Prossimi eventi

festa castelli
Dal 01-08-2018
al 28-09-2018
estate gran sasso
Dal 01-08-2018
al 30-09-2018

Immagini dalla galleria

Il pubblico al concerto di Grignani (29 agosto)
Concerto nella Basilica di Collemaggio (24 agosto)
Gli ultimi istanti prima dell'apertura della Porta Santa della Basilica di Collemaggio (28 agosto)
La chiusura della Porta Santa (29 agosto)
La partenza del Corteo storico della Bolla (28 agosto)
varsavia6
La Messa Solenne Pontificale (28 agosto)
varsavia1
Il pubblico al concerto dei Subsonica (23 agosto)
27 agosto
Il Piano per le emergenze
URP telematico
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
stazione appalti
L'Aquila Include
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
18-01-2018
Anniversario della tragedia di Rigopiano e del sisma di Montereale, il ricordo del sindaco Biondi
 

“Un anno fa la nostra regione veniva colpita da due catastrofi, il
sisma che ha distrutto i centri di Montereale e Campotosto, a pochi
mesi dal terremoto di Amatrice, e la valanga che travolse l’hotel
Rigopiano, a Farindola, uccidendo 29 persone”.
Così il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, a un anno dalla tragedia.
“L’Abruzzo, in quei giorni, era preda di un’eccezionale ondata di
maltempo, - ha proseguito il primo cittadino - con abbondanti
nevicate, che avevano paralizzato interi territori. Vi erano strade
bloccate e migliaia di persone prive di acqua e di energia elettrica.
Per tutti noi si trattò del ritorno di un incubo. A otto anni dal
sisma del 6 aprile 2009, ancora una volta, ci trovavamo a fare i conti
con la paura, a contare gli sfollati, a gestire un’emergenza. Oggi, a
un anno da quei drammatici eventi, il primo pensiero va, ovviamente,
alle vittime di Rigopiano e ai loro familiari, perché questi ultimi
sentano la vicinanza di tutta la comunità abruzzese e delle
istituzioni rispetto a un dolore che, certamente, non può essere
lenito dal tempo. Per loro auspichiamo la giustizia che chiedono,
affinché eventuali responsabilità vengano accertate e sia fatta piena
chiarezza sulla gestione di quella drammatica vicenda. Nello stesso
tempo, un pensiero va alle comunità dell’Alta Valle dell’Aterno, di
Montereale e Campotosto, in cui la ricostruzione stenta ad avviarsi e
su cui incombono i pericoli dati dallo spopolamento e dall’abbandono.
A seguito degli eventi di un anno fa, inoltre, in questi territori, il
turismo ha ricevuto un colpo durissimo e, con esso, l’economia locale,
che si basava molto su questo settore. Essendo stato sindaco di un
piccolo Comune che ha dovuto misurarsi con la complessa sfida della
ricostruzione, posso comprendere il senso di abbandono e le mille
difficoltà delle comunità e degli amministratori locali. La politica,
nazionale e regionale, non deve abbandonarli, sostenendoli con azioni
concrete e programmi di rigenerazione, connotati da tempistiche certe
e contingentate e da finanziamenti adeguati. Il ricordo di quei
giorni, tuttavia, non può prescindere dalla fondamentale riflessione
che ne deve scaturire, legata alle politiche di prevenzione e di
tutela rispetto alle calamità naturali. Questo territorio, così
fragile dal punto di vista idrogeologico e così esposto al rischio
sismico, può vincere la sfida che impone il futuro con una
programmazione urbanistica attenta alla morfologia dei territori e
facendo della sicurezza sismica, sia in fase di realizzazione che di
ricostruzione degli edifici, un’assoluta priorità, soprattutto per
quanto riguarda strutture sensibili come scuole, università, ospedali,
luoghi pubblici.
Il ricordo, a un anno da quel drammatico 18 gennaio 2017, - ha
concluso Biondi - deve essere dunque, al contempo, un commosso omaggio
alla memoria delle vittime e un preciso impegno, da parte di tutti, ad
anteporre la responsabilità di ricostruire in sicurezza rispetto a
qualsiasi altra logica, facendo di questo territorio un esempio
virtuoso al quale tutto il Paese può guardare”.

 


Condividi questo contenuto

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it