Comune dell'Aquila

Visita del Ministro Barca, il Sindaco Cialente: "Abbiamo fatto tanto, ma ora occorrono altri fondi". Firmato il protocollo d'intesa con Enel per la Smart City

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati
21-03-2013
Visita del Ministro Barca, il Sindaco Cialente: "Abbiamo fatto tanto, ma ora occorrono altri fondi". Firmato il protocollo d'intesa con Enel per la Smart City
 
foto enel

Durante la prima tappa della giornata organizzata dal Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca per presentare lo stato di attuazione della ricostruzione nel cratere, il Sindaco Massimo Cialente ha illustrato, nel corso del suo intervento, una serie di slides allo scopo di dare un quadro completo, partendo dal 7 aprile 2009, sino ad oggi.
Di seguito l'intervento integrale.
"Il 7 aprile 2009, tutte le case, di qualsiasi esito, sono state evacuate e nel successivo mese di agosto, 20mila persone sono rientrate in case dall'esito A, per il ripristino delle quali ci sono voluti 60/90 giorni. Diverso il destino degli altri esiti; le B e le C, gestite dal Comune, sono state ricostruite di fretta mentre sulle E pende ancora un pesante ritardo, accumulato dalla gestione del Commissario e della struttura tecnica di missione. Rientreranno comunque per la metà dell'anno prossimo le E della periferia.
Dal punto di vista dei finanziamenti, le B e le C hanno ricevuto contributi per 513mln di euro, mentre per le E sono stati erogati sinora 1 miliardo 110 milioni.
Possiamo ben dire che la ricostruzione delle A, delle B e delle C, sia pressoché conclusa con oltre 48mila aquilani rientrati nelle loro abitazioni ed un crollo di oltre il 50% dell'erogazione del contributo di autonoma sistemazione (CAS).
Il vero problema resta il centro storico, dove risiede la preponderanza degli esiti E. Delle B e le C del centro, che in prevalenza sono nelle aree a breve, ci sono sinora pervenuti 462 progetti, di cui 386 finanziati. Delle case E, che sono migliaia, ci sono invece pervenuti solo 1931 progetti, con una richiesta di 1,5mld di euro.
Oggi pomeriggio, il Consiglio comunale approverà un documento importante, il cronoprogramma della ricostruzione, una scelta politica, non facile; una responsabilità che andava assunta, per non rischiare alternative disomogenee.
È questo il momento di partire con l'asse centrale, cuore pulsante della città per il quale ci servono, in totale, 1mld e 312 milioni di euro, di cui 412 milioni subito, quest'anno.
Dobbiamo poter contare su finanziamenti certi perché alla fine del 2015 l'asse centrale torni alla vita. Nel 2014, poi, inizieremo la ricostruzione delle altre zone del centro storico per terminare nel 2018.
Il cronoprogramma riguarda chiaramente anche le frazioni, per le quali si sono utilizzati i criteri della densità della popolazione e dell'intensità del danno.
Andando a ricreare dove il danno è stato maggiore; tra il 2015 ed il 2016, tutte le frazioni si troveranno allo stesso livello di ricostruzione.
Tutto quanto ho sinteticamente riportato, serve al Paese per comprendere che L'Aquila va ricostruita in cinque anni, e questo è il compito minimo che il Paese stesso dovrà assumersi.
Allo stato attuale, perché tutto il comune venga ricostruito definitivamente, servono ancora 7mld di euro. Possiamo farcela, attingendo alla cassa depositi e prestiti,
meccanismo tramite il quale lo Stato assume un mutuo riprendendoselo in poco tempo solo con le tasse.
Si tratta di una scelta politica, una scelta che io credo assolutamente sostenibile.
Oggi abbiamo dimostrato al Paese che i soldi sono finiti, li abbiamo spesi ed ora ne abbiamo bisogno di altri.
Noi consegnamo i lavori, io chiedo le risorse. Il Comune dell'Aquila avrà bisogno di 1 mld l'anno. Ognuno dovrà fare la sua parte, come in una regata. Ora, tocca ai progettisti, perché si diano da fare rispettando il cronoprogramma ed alle imprese, perché capiscano che in cinque anni deve essere tutto finito.
Dobbiamo riportare la vita in centro storico e con essa anche il commercio, per il quale abbiamo già studiato una fiscalità di vantaggio".
Massimo Cialente

 

FIRMATO IL PROTOCOLLO D'INTESA CON ENEL PER SMART CITY

Durante l’incontro di stamane organizzato dal Ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca, per presentare lo stato di attivazione della ricostruzione nel Cratere, l’assessore Alfredo Moroni ha firmato il Protocollo d’intesa con Enel Distribuzione Spa, per la realizzazione di un progetto riguardante “L’infrastruttura Smart Grids per L’Aquila ed il suo ruolo nell’abilitazione di tecnologie e servizi per la Smart City” .
In particolare il Protocollo d’intesa prevede l’esecuzione di un Progetto con lo scopo di realizzare misure ed interventi strutturali per lo sviluppo della rete di distribuzione dell’energia elettrica in ottica Smart Grids nel territorio del Comune dell’Aquila finalizzato anche all’abilitazione di tecnologie e servizi per la Smart City.
Il Progetto prevede quattro macro categorie di interventi. Rispettivamente Grids Preparation E Communication Network, cioè interventi finalizzati a portare l’attuale rete nelle condizioni ottimali necessarie per implementare le funzionalità Smart Grids; funzionalità evolute Smart Grids, inerenti l’implementazione di logiche avanzate e dispositivi di automazione e controllo della rete, anche mediane l’utilizzo di soluzioni ICT innovative, di tecniche e algoritmi per l’automazione di rete e il controllo della tensione; Smart Urban Services, cioè interventi per la mobilità sostenibile e la “customer awareness” finalizzati ad una gestione efficiente dei consumi elettrici ed attivita’ di comunicazione, per la promozione delle attività che saranno realizzate durante il Progetto e dei corrispondenti risultati, per il coinvolgimento e la sensibilizzazione dei cittadini sui temi dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale.
Dal Progetto scaturiranno diversi benefici per i cittadini, la Pubblica Amministrazione ed il Sistema Elettrico nel suo complesso. Innanzi tutto il miglioramento della qualità del servizio per l’utente finale, mediante la riduzione del numero delle interruzioni del servizio e della loro durata, nonché attraverso una migliore gestione operativa della rete elettrica; l’incremento della hosting capacity; lo sviluppo della mobilità elettrica, garantendo un aumento dell’efficienza energetica ed una riduzione delle emissioni di CO2 legate al settore dei trasporti; l’ottimizzazione dell’efficienza energetica, sia mediante la riduzione delle perdite di rete, sia mediante l’ottimizzazione dei consumi lato clienti finali ed infine la riduzione delle emissioni di co2.

Il protocollo d'intesa è allegato qui sotto.

 


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani
Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani
I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it